Parco dei Mughetti

Storia e Arte

La tradizione agricola dell’area è testimoniata da numerosi nuclei rurali storici compresi nel Parco o comunque adiacenti al suo perimetro. Nel Comune di Origgio si rileva l’insediamento della Cascina Maestroni, mentre nel Comune di Uboldo il nucleo rurale più interessante dal punto di vista storico-artistico è quello della Cascina Soccorso, che si colloca nella parte nord al confine con il Comune di Gerenzano. Nel medioevo la cascina era una “grangia”, infatti ospitava una comunità di monaci agostiniani che amministravano le campagne circostanti: a loro infatti si deve l’introduzione della coltivazione a marcita. Un lato della cascina è occupato dalla chiesetta di Santa Maria del Soccorso, che risale al 1500 e conserva un affresco che raffigura la Madonna con il Bambino ed i Santi protettori dalla peste. Mentre il committente dell’opera è noto, ossia un membro famiglia Crivelli, che è raffigurato in ginocchio davanti alla Madonna, sull’autore ci sono ancora delle incertezze: si pensa infatti a Bernardino Luini o a Bernazzano. E’ possibile organizzare visite guidate alla cascina scrivendo a questo indirizzo e-mail: cascinasoccorso@yahoo.it

Altri spunti storici di notevole interesse provengono dall’area agricola compresa fra la Cascina Girola e la Cascina Malpaga, dove tra la fine del 1800 e il 1970 vennero ritrovati diversi reperti archeologici collocabili tra la Seconda Età del Ferro (VII secolo a.C.) e l'Età Tardo-Romana (III-V secolo d.C.). Questi ritrovamenti, tra cui fibule, vasellame, monete, resti di tombe celtico-galliche e sarcofagi romani, fanno supporre che nell’area compresa fra le due cascina e la vecchia fornace di Gerenzano esistesse una necropoli celtico-romana.
Oggi il materiale rinvenuto è conservato presso le Civiche Raccolte Archeologiche di Milano e i Musei Civici di Villa Mirabello a Varese.

Tra i nuclei rurali all’interno del PLIS, va inoltre ricordata la Cascina Regosella, che sorge lungo la strada che da Uboldo porta a Cantalupo, frazione del Comune di Cerro Maggiore; adiacente alla Cascina si trova la chiesetta di San Castriziano, risalente al Cinquecento. A Uboldo va inoltre citata la cappella del Lazzaretto, che sorge lungo l’asta del fontanile e che ricorda il luogo dove furono sepolti i morti della peste del 1629-1630.

A Cerro Maggiore invece, nella frazione Cantalupo, gli elementi di interesse storico-artistico sono rappresentati dalla Chiesa di San Bartolomeo e dal complesso delle corti, sviluppatosi intorno all’antico monastero fondato nel 1280, oggi noto come “corte lombarda”.

Aliquam tempus sit amet lorem a egestas. Nulla neque purus, vestibulum a elementum et, pulvinar in erat. Pellentesque consectetur nunc sit amet purus laoreet dictum. Quisque maximus magna et augue ultrices, vel dictum orci bibendum. Vivamus hendrerit risus velit, eu fermentum nisl iaculis malesuada. Fusce eu purus tempus ipsum dapibus consectetur.
Curabitur pretium varius libero, eget suscipit lacus elementum non. Quisque quis viverra mi. Aenean nisl quam, laoreet nec volutpat eget, molestie nec augue. In nec est eros. Nullam imperdiet volutpat pharetra. In vel orci at urna hendrerit tincidunt eget a elit. Proin sollicitudin fermentum elementum. Nullam venenatis aliquam eleifend.